Univisual - Brand Consulting
Italian Identity Marks
The Design Side
of Univisual Brand Consultancy
Welcome to Univisual, an Italian recognised design studio based in Milan since 1986, specialised in developing trademarks and identity systems.
Univisual - Brand Consulting


Typeface for an industrial group
2021

Bespoke typeface for the corporate identity of Breton, an international pioneer in engineering and manufacture of industrial machines and plants for the process of stones and metals. Operating in over than 100 countries worldwide, Breton is a well-known Group for the development of technologies and advanced materials, thanks to more than 500 patents registered since 1963, the year of its foundation.

The font – named BretonType – was conceived for the design of the company name, for the product naming and for the typographic composition of some parts of the print documentation (titles, quotes, text highlights, etc.) as well as advertisement (headlines, copy-ads, etc.).

To keep a fixed graphic thickness of the letters, the proportions of the type – unicase and sans-serif – are regulated by a square-module grid, rejecting the principles of classical typography in order to form a compact text at the limits of readability, in favour of a geometrically rigorous and essential visual communication.

The new Breton logo was designed in 2019 in conjunction with the centenary of the establishment of the Bauhaus. BretonType, in fact, has its roots in the rationalist typography of the first half of the twentieth century, inspired in particular by the ‘square’ mono-alphabet of Theo van Doesbourg (1883-1931), Dutch architect, painter, draftsman and writer. This alphabet was completed in 1919, precisely at the dawn of the Weimar School directed by Walter Gropius.

Theo van Doesburg was one of the founders of the avant-garde group De Stjil (1917-1924) – which in Dutch means “Style” – an artistic movement also known as Neoplasticism, notable for typography with a minimalist approach, devoid of ornamental elements for their own sake.

BretonType reinterprets precisely the van Doesburg alphabet by integrating upper and lower case into a single typeface and introducing the use of ascenders, descenders and horizontal ligatures that create an eclectic imprint on the page but always within a precise structure. Modularity is pervasive and mathematical accuracy becomes its stylistic matrix: from the uniformity of the strokes to the length of the stems up to the automatic spacing of the 144 ligatures.

The entire BretonType alphabet [Latin regular, 295 glyphs, TTF/ WOFF-WOFF2/TTF] is divided into two elementary components: the curve and the segment, for a modular graphic conformation with a strong visual impact. BretonType adheres to the ‘Less is more’ theory coined by Ludwig Mies van der Rohe, father of rationalism (1888-1969) and successor to Walter Gropius as director of the Bauhaus school from 1930 until its forced closure in 1933. BretonType endeavours to represent the experience of the Breton Group
by combining its metalworking vocation with the paradigms of modern design.

——

Carattere sviluppato appositamente per la corporate identity di Breton, un pioniere internazionale nella progettazione e produzione di macchine e impianti industriali per la lavorazione della pietra e dei metalli. Attivo in oltre 100 paesi nel mondo, il Gruppo è noto per lo sviluppo di tecnologie e materiali avanzati, grazie a più di 500 brevetti registrati dal 1963, anno della sua fondazione.

Il font – denominato BretonType – è stato progettato per il design del logotipo istituzionale, per il naming dei prodotti e per la composizione tipografica di alcune parti della documentazione aziendale (titolazioni, incisi, citazioni ecc.) oltre che della comunicazione pubblicitaria (headline, strilli, copy-ad ecc.).

Per preservare uno spessore grafico costante delle lettere, le proporzioni del font – di natura unicase e sans-serif – sono regolamentate da una griglia a modulo quadrato, annullando i canoni della scrittura classica per formare un testo compatto e al limite della leggibilità, a favore di una comunicazione visiva geometricamente rigorosa ed essenziale.

Il nuovo logotipo Breton è stato disegnato nel 2019, in concomitanza col centenario della nascita della Bauhaus. Il BretonType infatti affonda le sue radici nella tipografia razionalista della prima metà del Novecento ispirandosi, in particolar modo, al mono-alfabeto “quadrato” di Theo van Doesbourg (Architetto, pittore, disegnatore e scrittore olandese, 1883-1931), terminato nel 1919, agli albori appunto della Scuola di Weimar diretta da Walter Gropius.

Theo van Doesburg, uno dei fondatori del gruppo d’avanguardia De Stjil (1917-1924, in olandese significa Lo stile, movimento artistico noto anche come Neoplasticismo), crea una tipografia con un approccio riduzionista, scevra di elementi ornamentali fini a sé stessi.
Il BretonType reinterpreta appunto il carattere di van Deosburg integrando maiuscole/minuscole in un un solo tipo e introducendo l’uso di ascendenti, discendenti e legature orizzontali che creano nella pagina un’impronta eclettica ma sempre all’interno di una precisa struttura. La modularità è pervasiva e l’esattezza matematica diventa la sua matrice stilistica: dall’uniformità dei tratti alla lunghezza delle aste, fino a interessare la spaziatura resa automatica nelle 144 legature.

L’intero alfabeto del BretonType [Latin regular, 295 glifi, TTF/WOFF-WOFF2/OTF] si articola su due figure elementari, la curva e il segmento, per una conformazione grafica componibile dal forte impatto segnico. In linea con la teoria “Less is more” – coniata dall’architetto tedesco Ludwig Mies van der Rohe (1888-1969), padre del razionalismo e successore di Walter Gropius nella direzione della scuola del Bauhaus nel 1930, fino alla chiusura forzata nel 1933 – il BretonType vuole rappresentare l’esperienza del Gruppo Breton coniugando la sua estrazione metalmeccanica con i paradigmi del design moderno.

Back to top